Il Cacao

Scopri tutti i benefici del Burro di Cacao

 

TIPO DI PIANTA: Sempre Verde – Cacao

ORIGINE: Sud America

USI: Idratante, Anti Invecchiamento, Anti Infiammatorio, Anti Smagliature

I Benefici e Utilizzi

Idratante | Il burro di cacao è un potente idratante naturale che si scioglie appena al di sopra della temperatura ambiente. È ricco di acidi grassi che penetrano nella pelle e ne favoriscono la salute e la morbidezza. 

Emoliente | Grazie alla sua composizione ricca di acidi grassi, il burro di cacao è dotato di notevoli proprietà emollienti, nutrienti e protettive nei confronti della cute e, per tale ragione, è ampiamente sfruttato in campo cosmetico.

Anti-Age | Il burro di cacao è ricco di antiossidanti tra cui acido oleico, acido palmitico e acido stearico. Questi acidi grassi sono benefici per la pelle in quanto formano uno strato di protezione dagli agenti esterni ma contrastano anche i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare. 

Antinfiammatorio | Il burro di cacao è anche anti-infiammatorio e questa è un’altra caratteristica utile alla pelle per resistere meglio alle intemperie e al passare del tempo. 

Anti Smagliature | Molte persone utilizzano il burro di cacao, sotto forma di creme specifiche, anche per prevenire le smagliature.

La Storia

Theobroma cacao, chiamato anche albero di cacao e albero di cacao, è un piccolo albero sempreverde (4–8 m (13–26 piedi)) della famiglia Malvaceae, originario delle regioni tropicali profonde della Mesoamerica . I suoi semi, fave di cacao, sono usati per fare liquori al cioccolato, solidi di cacao, burro di cacao e cioccolato. Il più grande produttore di fave di cacao nel 2018 è stato la Costa d’Avorio, con il 37% del totale mondiale.

Le foglie sono alternate, intere, non lisce, lunghe 10–40 cm (3,9–15,7 pollici) e larghe 5–20 cm (2,0–7,9 pollici).

I fiori sono prodotti in grappoli direttamente sul tronco e sui rami più vecchi; questo è noto come cavolfiore. I fiori sono piccoli, 1–2 cm (0,39-0,79 pollici) di diametro, con calice rosa. La formula floreale, usata per rappresentare la struttura di un fiore usando i numeri, è ✶ K5 C5 A (5 ° + 5²) G (5). Mentre molti dei fiori del mondo sono impollinati dalle api (imenotteri) o farfalle / falene (lepidotteri), i fiori di cacao sono impollinati da piccole mosche, i moscerini della Forcipomyia nella sottofamiglia Forcipomyiinae. L’uso dell’impollinatore naturale di moscerini della forcipomia per Theobroma cacao ha dimostrato di produrre più frutta rispetto all’impollinatore artificiale.  Il frutto, chiamato baccello di cacao, è ovoidale, lungo 15-30 cm (5,9-11,8 pollici) e largo 8-10 cm (3,1-3,9 pollici), maturando da giallo ad arancione e pesa circa 500 g (1,1 libbre) maturo. Il baccello contiene da 20 a 60 semi, generalmente chiamati “fagioli”, incorporati in una polpa bianca. I semi sono l’ingrediente principale del cioccolato, mentre la polpa viene utilizzata in alcuni paesi per preparare succo, frullati, gelatina e crema rinfrescanti. Di solito scartata fino a quando le pratiche non cambiarono nel 21 ° secolo, la polpa fermentata può essere distillata in una bevanda alcolica.  Ogni seme contiene una quantità significativa di grasso (40-50%) come burro di cacao. Il costituente attivo del frutto è lo stimolante teobromina, un composto simile alla caffeina.

Gli utilizzi nella storia

In base alle ricostruzioni storiche, sembra che i Maya, siano stati gli scopritori e i primi coltivatori del cacao; secondo una leggenda azteca, la pianta venne donata dal dio Quetzalcoatl per alleviare gli esseri umani dalla fatica. Gli europei scoprirono i semi del cacao quando Cristoforo Colombo li ricevette in dono, durante il suo quarto viaggio, presso l’isola di Guanaja.[7] Nella civiltà azteca erano considerati un bene di lusso, e venivano importati per il fatto che la pianta non cresceva sul territorio dell’impero.

Il consumo del cacao era una prerogativa dei ceti alti (nobili, guerrieri e sacerdoti), e rappresentava uno dei cardini della cucina azteca. I semi di cacao erano talmente preziosi da venire adoperati anche come moneta. Da ciò il primo nome del cacao (Amygdalae pecuniariae ovvero mandorla di denaro) poi sostituito da Linneo in Theobroma cacao o cibo degli dei. Le fonti del tempo narrano anche di frequenti contraffazioni effettuate riempiendo i gusci vuoti con sporcizia o fango. Proprio dal termine azteco in lingua nahuatl xocoatl deriva la parola “cioccolato”.

Scopri gli altri Ingredienti

HELIANTHUS ANNUUS SEED OIL (Olio di Semi di Girasole), OLEA EUROPAEA FRUIT OIL (Olio di Oliva), RICINUS COMMUNIS SEED OIL (Olio di Ricino), THEOBROMA CACAO SEED BUTTER (Burro di Cacao), MELALEUCA ALTERNIFOLIA (Olio di Malaleuca), GOLD (Oro)

Italiano
Language
Italiano
  • Deutsch
  • English
  • Español
  • français
  • Italiano
  • português
Currency